Archivio per maggio, 2018

Immagine

Di Maio vuole riprovarci. Siamo in un loop temporale


Immagine

Coltarelli


Immagine

La padellata di Mattarella spiegata coi trattori


Lo spread e la salute di Salvini

Ho postato (sempre sul Post) una nuova storiella di quattro pagine. Racconta di: Salvini all’alba, cereali leghisti, giacche eleganti, calzini neutri, dottori rassicuranti, il palloncino di Salvini, armaioli ansiosi, spread annoiati, strane banconote e talleri di prova.


Immagine

A tribordo!


Tommasina Hanks

Scoperto (con una certa soddisfatta sorpresa) che, come consegna gratuita e tempi, a Amazon Prime non gliene frega nulla che io abiti a Milano o alla fine di una sterrata tra la colline piacentine, ho fatto subito amicizia con la corriera (non nel senso di veicolo). L’altra mattina è passata per una consegna salutandomi allegra e gentile, io sono uscito dal garage con maschera da verniciatura e abiti da lavoro ricambiando il saluto cordiale e, per un instante, mi sono sentito l’artista texana di Cast Away. Ora aspetto che una dirigente di FedEx senza un dente passi a trovarmi dopo essere fuggita dall’isola del naufragio a bordo di una zattera con la mia cana dipinta sulle vele.


Immagine

La lista


Immagine

Non me ne cruccio


Ci penso


Immagine

Bau?


Immagine

Assemblea PD. Rinviata la formalizzazione delle dimissioni di Renzi


Immagine

Qualche piccola ricaduta sull’economia


Immagine

Robopassion


La situazione politica spiegata coi coleotteri

Ho postato (sempre sul Post) una breve storiella entomologica sugli ultimi surreali mesi post elezioni.
Narra di: igiene poco curata, mostri acquatici golosi, traslocato opinionisti, Mattarella pole-dancer, Salvini statuario, Berlusconi appartato, Di Maio maratoneta, elettorati fisicamente desiderati, Martina insaccato, rosticcerie lontane e felafel da resistenza.


A Torino esausti e anche parecchio bagnati

Ricordo che domani (domenica 13) nonostante le pile di scatoloni post-trasloco da svuotare,  i temporali previsti e una mancanza cronica di ore di sonno, salterò in sella alla mia moto e viaggerò per due ore fino al Salone del libro di Torino.
Dove, presso lo stand ComicOut (pad. 3 stand S22), dalle 14 in poi firmerò e disegnerò qualche copia della mia raccolta, prima di crollare a russare su un disegnino incompiuto.
Se qualcuno di voi sarà in loco e dirà “fanculo il tarta, io me ne vado casa”, il pigro che è in me vi comprenderà e perdonerà, il motociclista stanco e bagnato no.

Sto cercando di far leva sul senso di colpa? In linea di massima sì.

PS: In realtà andrò in auto perché oggi Vercingetorige doveva lavorare e quindi non sono riuscito a portare la moto da Milano ai colli piacentini.


Il problema è un po’ l’opposto


A Torino in moto e vestito in modo provocatorio

Lo so, lo so. Questa paginetta l’avevo già usata, leggermente diversa, per la fiera del libro 2016 per il libro di Martina “a Bath’s life”. Ma sono nella casa vecchia nei panni chiazzati di un pessimo imbianchino. Non ho modo di disegnare o colorare altro che pareti. Però tenevo ad avvertirvi della mia presenza alla fiera in modo da dare a tutti il tempo di preparare scuse creative. Tipo “volevo passare ma sono caduto in un dungeon” “avrei voluto salutarti ma avevo appena mangiato e già abbastanza nausea” “il criceto ha mangiato il biglietto della fiera e la mano destra del mio compagno”

#saloneinternazionaledellibro #Torino2018 #ComicOut #italiaspiegataaglialieni #tartalibro #tartadediche #scusecreative


Guardati dal beluga magico e dal tarta che si congratula

È uscito il nuovo libro di Daniel Cuello. Se non lo conoscete dato un un’occhiata al suo lavoro. https://www.facebook.com/danielcuello/
È bravissimo. I suoi disegni e colori mi fanno impazzire (soprattutto gli scorci urbani).
Io, che sono un noto cretino, gli ho fatto i complimenti per la strepitosa copertina. In realtà quella vista in giro da me era la Variant col primo piano del beluga. Quella standard è altrettanto bella ma senza primo piano.
#danielcuello #beluga #maicheiomiinformiprimadiparlare