Immagine

Non perdiamo lo slancio surrealista e puntiamo a traguardi più ambiziosi

20 Risposte

  1. Gabriele

    Sogno di visitare un sito “progressista” e trovare una visione leggermente più ampia del fenomeno migratorio, dove si noti che la crescita demografica galoppante dell’Africa, unita alla decrescita demografica dell’Europa, rischia seriamente di cancellare la nostra cultura.

    La gente ha paura di questo, e fa bene ad averla, perchè sono le stesse proiezioni demografiche a prefigurare questi scenari.

    Gli unici che non lo capiscono sono quelli di “sinistra”, che o non ce la fanno o fingono di non capire per motivi torbidi (leggasi elettorali).

    Poi si fanno le seghe mentali sul “nostro popolo che non ci capisce più” “abbiamo perso la nostra gente” blablabla… (mi pagassero 1$ ogni volta che ho letto un editoriale o un intervento del genere su Rep e Huffington Post, e potrei comprarmi una casa alle Keys Islands)

    Intanto la vostra “nemesi”…

    http://www.affaritaliani.it/politica/sondaggi-lega-boom-lega-al-40-clamoroso-spariscono-forza-italia-e-fdi-556855.html

    Oggi il vostro partito di riferimento è al 15% e secondo il mio modesto parere è pure sopravvalutato. Continuate (uso il plurale non riferito a qualcuno in particolare su questo forum ma in senso lato) a fare le vostre belle passerelle e a fare appelli in favore ai clandestini irregolari, se vi impegnate abbastanza riuscirete alla fine a scendere sotto il 10% e guadagnarvi la vostra agognata irrilevanza!

    25 agosto 2018 alle 13:58

    • claudiovdaebt

      Io penso che i fifoni che hanno paura dell’immigrazione siano coloro che vivono in società eccessivamente pure dal punto di vista etnico tipo i polacchi o gli ungheresi, infatti i alle scorse politiche più dell’80% degli italiani non ha votato Salvini, ma gente più coraggiosa, che non va nel panico per due migranti. Io vivo in Germania, società accogliente e multietnica, che non ha paura del diverso ma anzi sa vivere in armonia con esso. Voi leghisti siete liberi di essere terrorizzati, ma non imponente le vostre paure a quell’80% degli italiani che non le condivide.

      26 agosto 2018 alle 15:46

      • Gabriele

        “non imponente le vostre paure a quell’80% degli italiani che non le condivide.”

        Questa conclusione è assai fallace, perchè se si vogliono analizzare delle percentuali bisogna mostrarle tutte. nella fattispecie:

        https://it.wikipedia.org/wiki/Elezioni_politiche_italiane_del_2018

        Al 17 e qualcosa della Lega si devono aggiungere i restanti partiti della coalizione di Cdx. Arriviamo così al 37% Camera e 37,49% al senato. A essi si aggiungano il M5S che, lasciando da parte le sensibilità personali di singoli esponenti come Fico, sull’immigrazione il capo politico Di Maio e lo stesso Grillo avevano – e hanno – opinioni molto severe e compatibili con quelle della Lega (da cui la coalizione). Arriviamo al 69,66% Camera e 69,71 al Senato.

        Il 70% circa degli elettori (contando anche altri rimasugli di DX) HA BOCCIATO NETTAMENTE le politiche migratorie del vecchio governo.

        E se vogliamo fare i pignoli, sottolineiamo anche che il PD è stato molto, molto timido in campagna elettorale su questo tema. Portava l’esperienza di Minniti come un successo. A memoria, non ricordo coraggiose dichiarazioni a favore dello ius soli nel programma, nonostante fino a poco tempo prima fosse un imperativo categorico.
        I partiti più favorevoli all’immigrazione (quelli dei porti aperti senza se e senza ma) sono Potere al Popolo, Liberi e Uguali e + Europa. Hanno preso rispettivamente 1,13%, 3,39% e 2,56%.

        Grassi numeri, eh!

        Quindi, dall’alto di queste percentuali, dovreste essere voi a non imporre le vostre convinzioni a quel 94% di italiani che non le approva!

        Poi citi la Germania. Ci sarebbe da scrivere un tema a riguardo, ma trovo divertente che la porti come esempio, proprio ora che il modello Merkel sta andando in crisi!
        Tra poco ci sono due avvenimenti: elezioni politiche in Svezia (altro paradiso multiculturale) e soprattutto le europee del 2019: ci sarà da ridere.

        Vedremo allora i risultati, anche in Germania.

        27 agosto 2018 alle 19:29

    • Ma non hai niente di meglio da fare che scrivere pipponi sotto OGNI vignetta del buon Tarta?
      Non hai una famiglia, un* compagn*, qualcosa che ti distragga dal farlo?

      27 agosto 2018 alle 19:41

      • Gabriele

        Risposta micragnosa, banale, deboluccia.

        Riprovi, sicuramente lei ha le potenzialità per fare di meglio 😉

        27 agosto 2018 alle 22:04

    • Quella che sembra sfuggire al nostro super esperto di fenomeni migratori è che la vignetta ironizza sul metodo, non sulla politica del governo. Perchè fare una sceneggiata ogni volta che una nave con 150 persone arriva in porto non risolve il problema dell’immigrazione, non dà una risposta alle paure della gente. Se sei al governo sostenuto da folle oceaniche fai leggi adeguate, trova accordi internazionali. Se invece vuoi solo cercare consenso, fai una gran caciara di proclami ma non risolvere nessun problema, tienili in caldo per le prossime elezioni politiche italiane. A breve sui vostri schermi.

      28 agosto 2018 alle 12:58

      • Notare che il “super esperto”, come sono soliti fare quelli della sua risma, somma un po’ di dati a caso, ottiene 94 e conclude che quella è la percentuale degli italiani (non degli elettori: degli italiani) contrari alla politica del Pd. Nemmeno i sondaggisti dell’ex cavaliere avevano mai osato mostrare tanta sfrontata ipocrisia :-/

        28 agosto 2018 alle 16:12

      • Gabriele

        In due mesi è difficile risolvere il casino di 5 anni. Una legislatura dura un lustro, è quello l’orizzonte temporale per giudicare un governo. Queste “sceneggiate” hanno quantomeno il risultato di palesare l’ipocrisia di quei fenomeni alla Macron e alla Sanchez, bravissimi a parole ma poi, da bravi ipocriti…

        http://www.tgcom24.mediaset.it/mondo/la-spagna-rimanda-in-marocco-i-116-migranti-entrati-a-ceuta_3159613-201802a.shtml

        @Claudio Capriolo:

        Mi rincresce farle notare che, purtroppo per Lei, quelli che definisce “dati a caso” siano i risultati delle ultime elezioni 😉
        E, mi permetta, essi parlano da soli. Chi ha orecchie per intendere, intenda!

        28 agosto 2018 alle 19:05

      • Anche ammesso che quel 94% sia la somma di dati omogenei, il dato riguarda i cittadini che hanno espresso un voto valido alle ultime elezioni politiche. Scrivere “il 94% degli italiani” è falso e scorretto.

        28 agosto 2018 alle 20:34

  2. Francamente non riesco a capire come si possa contestare una vignetta satirica, tentando di darvi risposte “politiche” che lasciano ovviamente il tempo che trovano. Ieri lo facevano i berlusconiani, oggi i grillini: evidentemente la forma mentis è simile.

    25 agosto 2018 alle 15:40

  3. Michele Maggio

    Ma…perché proprio a Voghera? I carri armati poi…una volta era la città della casalinga per antonomasia…ai tempi della Clerici non avresti osato tanto!!!
    Ah! Ah! Ah! Ciauuhuu!

    25 agosto 2018 alle 21:42

  4. Proprio a Voghera si trova un obice cingolato Sexton (https://goo.gl/images/4QJH3w), rimasto dopo che la Caserma “Vittorio Emanuele II” (https://it.wikipedia.org/wiki/Caserma_Vittorio_Emanuele_II) fu dismessa dall’Esercito, nel 1964.

    Negli anni successivi è stato restaurato ed oggi è esposto come cimelio davanti al Museo Storico “Beccari”, in via Gramsci.

    In ogni caso, un carro lo abbiamo già, in città.
    Grazie per l’interessamento, comunque!
    🙂

    27 agosto 2018 alle 10:53

    • Michele Maggio

      Grazie MAx! Ho sfruttato i link e ho visto le immagini del carro armato; non ero nemmeno a conoscenza dell’ esistenza del museo militare !!! Quindi ( mea culpa) ho anche sottovalutato la cultura marziale del Tartarock, scusa Ste! Da quelle parti io ho visitato la Cittadella di Alessandria e quando, indicando un FAL in esposizione, ho detto che con quel tipo di fucile avevo fatto il servizio militare i giovini mi han riso dietro. ..sigh, mi son sentito tipo Steve Rogers, non so se mi spiego….
      Ciauuhuu a tutti!

      28 agosto 2018 alle 23:52

      • Tutto il servizio militare col FAL? Wow!
        Dov’ero io (Mantova), nel 1996, quella era roba da ricchi!
        12 mesi col M1 Garand mi sono fatto… Del FAL avevamo solo le giberne… che notoriamente sono adattissime a custodire i pacchetti dell’M1 :-).
        Tralascio ulteriori spiegazioni e lascio a chi “conosce” il piacere di scoprire l’ironia, non vorrei che qualcuno saltasse su a dire che questo blog è frequentato da pazzi militaristi e guerrafondai… :-p

        BTW: Tra le tante cose, nel succitato Museo è conservata anche un’autovettura particolare: la A112 del Generale Dalla Chiesa… se qualcuno si ricorda ancora chi era.

        Max

        29 agosto 2018 alle 09:30

    • Non sapevo del cingolato a Voghera:-). Ho scritto la prima città venuta in mente coerente con tono surreale della vignetta.

      29 agosto 2018 alle 10:35

      • Michele Maggio

        Scusate se mi intrometto (Pieraccioni docet. .. citazione colta), io ero di leva nel 94 e dato che sono un uomo di mondo, il militare lo feci a Cuneo (altra citazione);in effetti anche io nei primi mesi utilizzai il malefico Garand e conosco il problema delle giberne, se non ricordo male quando passammo al FAL subentro’ il problema delle baionette che erano ancora quelle del Garand…che ricordi…Peraltro il blog di Tartarock è notoriamente e palesemente covo di guerrafondai, ma non lo avete mai visto Stefano ad una convention?

        30 agosto 2018 alle 20:56

  5. @Gabriele
    Il risultato dell’ultima sceneggiata è che tutti i 177 migranti sono in Italia, forse una quarantina se ne andranno altrove. Sull’orizzonte temporale mi ricordi l’ultimo governo che è durato 5 anni, e poi facciamo un confronto.
    Sui risultati delle ultime elezioni, si, sono quelli, ma è ridicolo sommarli come ha fatto lei. Tra la posizione della lega e dei 5stelle già ci sono differenze importanti, non c’è solo tutti fuori o tutti dentro, la realtà è più complessa. Poi per arrivare al suo 94% di favorevoli alle politiche di Salvini ha sommato anche i voti del PD, figuriamoci quanto fila il suo ragionamento.

    29 agosto 2018 alle 09:40

    • Gabriele

      @PerpliMas

      Beh, se la vediamo così nessuno governo ha raggiunto i 5 anni senza subire rimpasti. Ma il punto è un’altro: questo governo ha le potenzialità per durare 5 anni. Magari cade domani, ma fino ad allora gode il beneficio del dubbio. Un libro si giudica alla fine. Per rimanere in tema, giudicare un governo dai primi 2 mesi è come mollare Il Signore Degli Anelli alla descrizione della Contea (come il sottoscritto, mea culpa 😉 )

      Per quanto riguarda le percentuali: non ho detto – rilegga il mio commento – che il 94% degli italiani – votanti – sia favorevole alle politiche di Salvini. Ho detto che tale percentuale sia CONTRARIA alle politiche migratorie DEI 3 PARTITI più aperti su questo tema, ovvero PaP, L&U e + Europa. Questi tre – a differenza del PD che, come ripeto, ha mantenuto in campagna elettorale un atteggiamento comprensibilmente molto cauto – chiedono tra le altre cose lo Ius Soli NON temperato, l’immediata regolarizzazione di tutti i clandestini (Bonino) e la politica dei porti aperti. Ecco, insieme fanno il 7,08% . Ne consegue che la stragrande maggioranza degli elettori non concorda con questa visione.

      29 agosto 2018 alle 13:48

      • E io ho detto che non stiamo giudicando la politica di un governo, ma le singole iniziative, che non servono a nulla se non a fare credere che si stia risolvendo un problema.
        Sulle percentuali rilegga il mio di commento, è anche più breve. Non occorre sposare le politiche estremiste di L&U per ritenere ovvio che occorra salvare la gente in mare e che una volta salvata debba sbarcare. Poi si potrà identificarla e decidere cosa fare, non esistono solo due opzioni, tutti dentro o tutti fuori. Ma se bloccare una nave ong poteva avere un senso, bloccare una nave militare italiana è ridicolo.

        29 agosto 2018 alle 14:52

  6. Michele Maggio

    Scusate se mi intrometto (Pieraccioni docet. .. citazione colta), io ero di leva nel 94 e dato che sono un uomo di mondo, il militare lo feci a Cuneo (altra citazione);in effetti anche io nei primi mesi utilizzai il malefico Garand e conosco il problema delle giberne, se non ricordo male quando passammo al FAL subentro’ il problema delle baionette che erano ancora quelle del Garand…che ricordi…Peraltro il blog di Tartarock è notoriamente e palesemente covo di guerrafondai, ma non lo avete mai visto Stefano ad una convention?

    30 agosto 2018 alle 20:58

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...