satira

Immagine

Bagno di folla di Trump a Tulsa


Frigolandia

Il sindaco leghista di Giano dell’Umbria ha dichiarato guerra a #Frigolandia, il museo-archivio de Il Male e Frigidaire creato da Vincenzo Sparagna (uno tra i fondatori di entrambe le storiche riviste). In tutta Italia si stanno raccogliendo le firme per salvare Frigolandia dallo sgombero.Perdinci, firma anche tu.
Ecco il link https://www.change.org/p/al-presidente-della-repubblica-sergio-mattarella-salviamo-la-repubblica-dell-arte-di-frigolandia-dall-assurda-minaccia-di-sgombero


La Corte di giustizia europea vs Orbán

Tre giorni fa la Corte di giustizia dell’Unione europea ha giudicato discriminatorie e ingiustificate le restrizioni, varate nel 2017 dall’#Ungheria, al finanziamento dall’estero delle attività delle Ong.
L’obiettivo di #Orbán era quello di ridurre al silenzio le voci critiche e spingere l’opinione pubblica a togliere sostegno a organizzazioni che lottano per i diritti umani, la giustizia e l’uguaglianza.


Amadeus

Il numero di Giugno di Live Performing Arts con in copertina il mio disegno di Ezio Bosso è acquistabile cartaceo o pdf sul sito della rivista. https://www.musicaeculturamagazine.it/acquista-live-performing-arts/

Questa invece è una ministoriella che alcuni mesi fa disegnai per loro a riguardo della catastrofica conferenza stampa pre-Sanremo in cui Amadeus inanellò una serie gaffe.


Sovranisti sbadati

Alcuni giorni fa, durante un’esercitazione, forze militari polacche hanno invaso per sbaglio la Repubblica Ceca con Humvee, armi anticarro e dispositivi elettronici, occupando un’area sul lato ceco del confine.
Hanno allontanato in malo modo giornalisti cechi e cittadini perplessi che si erano avvicinati per chiedere cosa diamine stesse succedendo.
Poi hanno ricevuto ordine di ritirarsi. Successivamente il governo polacco si è vagamente scusato.
L’esercitazione era stata organizzata per addestrare reparti paramilitari di ragazzi e ragazze sostenitori del partito sovranista di maggioranza.
In molte nazioni stanno andando al potere forze nazionaliste, col culto della politica estera muscolare e alcune stanno creando pure forze paramilitari di giovani sostenitori del loro leader al potere.

Mi chiedo “Cosa potrebbe andare storto? cosa?”


Si senta pure libera di non scegliere.

In Umbria la governatrice leghista ha cancellato la possibilità di aborto farmacologico in day hospital.
Aggiornamento:
scusate. Parrebbe che io abbia riportato la notizia in modo errato. Fidandomi di una testata giornalistica solitamente attendibile.
A quanto pare l’abolizione riguarderebbe solo la possibilità di assumere il farmaco abortivo in Day Hospital.

Mi spiace molto per l’errata informazione.
Prima di disegnare e postare, devo ricominciare a incrociare una notizia su più testate, indipendentemente dalla serietà di quella su cui l’ho letta.

.


Nubi scure all’orizzonte per il Movimento

Mi dicono che la vignetta sia un poco criptica.


Trump nei guai (forse)

Malumori nel partito Repubblicano per come Trump ha gestito la pandemia e per come sta affrontando le proteste per la morte di George Floyd.


Circo Massimo

Ieri a Roma si è tenuto un raduno di neofascisti e militanti di estrema destra.
Prima si sono menati tra di loro, poi hanno caricato giornalisti e polizia, poi sono stati dispersi.
Al di là del ridicolo, è anche, nel suo piccolo, una perfetta metafora di come funziona il fascismo: superi una massa critica di persone poco sensate, poi fai parecchi danni al prossimo, al tuo paese e a te stesso, poi vieni sconfitto.


The walk

Lunedì Trump si è recato alla chiesa antistante la Casa Bianca per farsi scattare delle foto davanti all’edificio danneggiato domenica dai disordini.
Per aprire un percorso sicuro al passaggio del presidente, 25 minuti prima del coprifuoco, la polizia e la Guardia Nazionale hanno disperso le persone che stavano manifestando pacificamente.
Per farlo hanno usato lacrimogeni, granate stordenti e i manganelli. È stata aggredita anche una troupe australiana che stava filmando.
Sia la vescova della chiesa episcopale di Washington, che ha assistito alla scena da lontano, che il sindaco della capitale hanno criticato l’uso gratuito del gas e delle granate stordenti su manifestanti pacifici.


Sceriffi

C’è un’invasione di zanzare? Non c’è problema, mettiamo in strada sessantamila sceriffi a ricordare a tutti di non farsi pungere.



Haters e pregiudizi


Una pandemia di autoritarismo

Molti paesi e leader autoritari (o sulla strada per diventarlo) stanno usando lo stato di emergenza per ottenere poteri eccezionali, perseguire dissidenti, silenziare la stampa o chi critica il governo, isolare le opposizioni o aumentare il controllo della popolazione.
Si teme che, al contrario di molti paesi democratici, dove, una volta terminata l’emergenza sanitaria, verranno revocate eventuali limitazioni delle libertà individuali, nei paesi più autoritari vengano mantenute in vigore normative liberticide o antidemocratiche.

Congiunti


Orbán ottiene i pieni poteri

Nonostante in Ungheria si contino poche centinaia di casi di contagio, col voto parlamentare del partito di maggioranza sovranista Orbán ha ottenuto poteri straordinari senza limiti di tempo. Può cambiare e sospendere leggi, governare tramite decreti, chiudere il parlamento, bloccare elezioni, incarcerare eventuali voci scomode con l’accusa di diffondere notizie false e spetta a lui decidere quando finirà lo stato di emergenza.
Orbán già aveva blindato media e magistratura e, anche grazie agli stretti rapporti col gli oligarchi a capo delle 400 maggiori aziende nazionali, ottenuto il controllo della maggioranza dei mezzi d’informazione.


Nerola?

Della serie “idee che riescono ad essere inutili e, allo stesso tempo, a spaventare parecchio un intero comune e zone limitrofe”.
In conseguenza alla decisione di dichiarare “zona rossa” il comune di Nerola (Roma), qualche geniale autorità ha deciso di rimuovere tutti cartelli stradali che indicavano la località (in stile “Silent hill”), lasciando sgomenti un po’ tutti.
Il Sindaco di Nerola non l’ha presa bene e sta cercando di ripristinarli.

Ma soprattutto, niente panico


Almeno una buona notizia

Il Tribunale di Roma ha respinto il ricorso di Forza Nuova contro Facebook e l’ha anche condannata a rimborsare le spese processuali del social network.


Ma casso!

Bisogna ammettere che, pur nella gravità del momento, vedere i sovranisti pretendere la riapertura delle frontiere altrui e gridare indignati d’essere oggetto di discriminazione da eccesso di paura, fa almeno un pochetto ridere.


Tarta libreria

Era da una decina di giorni che avevo in mente questa piccola galleria di finti libri, ma sono indietro col lavoro.
Alla fine non ho resistito e l’ho disegnata:-)
Spero possa divertire.


Patrick resta in carcere

Rifiutata l’istanza d’appello di Patrick Zaky, lo studente egiziano che sta seguendo un master presso l’università di Bologna e che si occupa di diritti umani, arrestato con false accuse all’aeroporto del Cairo, poi picchiato e torturato.
Amnesty sta raccogliendo le firme per richiedere la sua scarcerazione.
www.amnesty.it


Immagine

La crisi di governo spiegata con gli origami


Immagine

E comunque sarebbe una molletta con un gran bel curriculum