Articoli con tag “cana

Guarda, un castello. Abbattiamolo

Sono arrivato a pagina 104 del librocana. Ancora 46 e poi ho finito.
In questa pagina la cana arriva a Montecanino, dove scoprirà qualcosa di interessante nei sotterranei.
A Montecanino (che ho disegnato abbastanza male) si mangia in modo strepitoso, c’è una vista fantastica e dei bei resti di un castello.
Bizzarramente nel piacentino c’è un castello o una casa fortificata ogni cento metri, il più delle volte distrutti, ricostruiti, poi ridistrutti, poi ricostruiti, poi ridistrutti.
A quanto pare a quei tempi lo svago nel fine settimana era mandare cavalieri e truppe in collina ad abbattere castelli.


Canaguri

Oggi è il canacompleanno. Almeno così dicono il libretto veterinario e i poteri forti.


Ieri il tempo era parecchio incerto

Questo è il sunto della giornata.
Dico solo che poi, la sera, la cana sembrava tentata di mordermi un polpaccio.

Ciao, non fate caso a noi

Ieri sera sono stato a cena da Daniela e Giancarlo (quello dei mobili per esterni in plastica riciclata). Abitano dopo Pomaro, a un paio di chilometri da casa mia.
Verso le 23.00 stavo scendendo lungo il sentiero per rientrare e, oltre ai soliti caprioli inquieti e le faine, mi sono imbattuto in due canidi magri dalle orecchie a punta che mi fissavano dall’erba alta a una cinquantina di metri da me.
Non sono sicuro fossero lupi.
Io però nel dubbio ho dato subito delle false indicazioni gastronomiche.
E comunque, d’accordo che il terrapieno era alto almeno un metro e mezzo e quindi lei non poteva vederli, ma la cana li ha totalmente ignorati.
Credo che le toglierò una stellina dalla valutazione google, quanto a capacità difensive.


Ancora canaprogettosegreto

Ho postato su Patreon una nuova pagina in esclusiva del canaprogettosegreto (a cui sto lavorando da mesi).
La foto che posto qui mostra una delle mie propaggini mentre colora la pagina seguente.
Iscriviti anche tu alla tartacanasaladilettura. Vignette in anteprima e in esclusiva, video, schizzi, liste della spesa e tanto altro.
Clicca il link https://www.patreon.com/tartarotti
Con due dollari al mese (il prezzo di un caffé o di un logo di Italia Viva) si può aiutare (assieme ad altri/e coraggiosi/e) a finanziare la cana e le mie storie e vignette satiro-cano-capriolo-piozzaneso-cazzabuffeggianti.



Il canaprogettosegreto prosegue nell’ombra

Ho postato su patreon una nuova pagina in esclusiva del canaprogettosegreto (a cui sto lavorando da mesi).
L’immagine che posto qui è un dettaglio della pagina.
Iscriviti anche tu alla tartacanasaladilettura. Vignette in anteprima e in esclusiva, video, schizzi, liste della spesa e tanto altro.
Clicca il link
Con due dollari al mese (il prezzo di un caffé o di un etto di radici per cinghiali) si può aiutare (assieme ad altri/e coraggiosi/e) a finanziare la cana e le mie storie e vignette satiro-cano-capriolo-piozzaneso-cazzabuffeggianti.


Immagine

Staccare la spina


Addestramento cane “fai da te”- lezione 1

Il vostro cane non obbedisce, si comporta in modo strano o viaggia molto in treno? Chiamate un tartaaddestratore.


Cani impomatati

Il veterinario mi ha suggerito una pomata per proteggere il naso della cana dalle continue scottature solari.
Gliela metto ogni volta che la vedo oziare al sole.
La pomata in sé è coprente e sarebbe efficace. Il problema è un altro.


Naso cana

Sono passato dal veterinario per chiedere consiglio a proposito del problema “naso cana”.
Continua a dormire al sole e scottarselo a ripetizione. Se le metto la crema solare, la slinguazza via in pochi secondi.
Mi hanno consigliato una pomata allo zinco ossido, che ho comprato e che lei comunque lappa via dal naso in pochi secondi.
Mentre guidavo e la riportavo a casa, ho pensato a delle soluzioni alternative.
Queste sono le prime che mi sono venute in mente.
Io opterei per quella del clown.


Tartamutande

Ho appena finito di disegnare e postato su Patreon una storia di sette pagine zeppe di comicità e tensione. Racconta cosa è accaduto giovedì a notte fonda. Ci sono pure io disegnato in mutande per almeno cinque pagine.
Non si può resistere all’attesa, vero?
Un momento.
Cos’è questo silenzio imbarazzato?
Non mi direte che l’idea di varie vignette di me in mutande che mi aggiro furtivo per casa armato di una racchettina elettrica non crea una spropositata aspettativa e curiosità?
Come “No”?
Ma almeno un pochino, dai.
http://www.patreon.com/tartarotti
Clicca il link e vieni anche tu nella tartacanasaladilettura con accesso semindiretto in anteprima (e spesso in esclusiva) al mio tavolo da disegno.
Con due dollari al mese (il prezzo di un caffé o di una polaroid di me in mutande) si può aiutare (assieme ad altri/e coraggiosi/e) a finanziare la cana e le mie storie e vignette satiro-cano-capriolo-piozzaneso-cazzabuffeggianti.
Questo è un dettaglio della vignetta


#mordisalvini

Ok. Devo ammetterlo. Non ne vado fiero, ma è successo davvero e più volte.
Ma senza rumore di tuoni perché son troppo pigro per cercarli su youtube.


Immagine

Ok, se canto, non aiuto


Ho un cane da bar

La mia cana da parkour ha purtroppo scoperto che riesce a saltare la staccionata quando sono fuori per commissioni.
Ieri sono andato dieci minuti in discarica a portare della rumenta e, dopo poco, ho ricevuto una telefonata da Greta, la gentile ragazza che lavora al bar di Piozzano, che mi diceva che la cana era da loro.
Sono passato dal bar e la cana era rilassata, sdraiata davanti al bancone con l’aria di chi sta aspettando un prosecco.
Anche il mese scorso, mentre ero al supermercato, aveva saltato la staccionata ed era andata al bar (rimediando un panino alla coppa).




Immagine

Come funziona il mio cane


Immagine

Ma come?


Immagine

Oggi è il canacompleanno

canatorta2


Il leonvolpe

Ieri sera al tramonto sono andato a fare una passeggiata per colline con la cana. Appena dietro casa ho incrociato una grossa volpe (forse malata) con una buffa coda da leone.


Steve McCana

Ieri a mezzanotte quella squilibrata della mia cana, purtroppo, ha scoperto che per inseguire nel bosco un capriolo transitato dietro casa basta scavare sotto la recinzione.
Oltre a essere pericoloso già di suo (nei boschi possono esserci delle trappole per volpi), proprio la notte prima il mio vicino aveva visto dei lupi dietro casa.
Così, per riportarla indietro, sono dovuto andare a zampettare nel bosco, su per la collina innevata, alla luce della mia torcia da cranio.
La prima immagine (della cana in fuga) è presa dalle telecamere di sicurezza, la seconda (di me che arranco nel boschetto) l’ha scattata un capriolo col suo smartphone e me l’ha gentilmente inviata su WhatsApp.



Houston, abbiamo un cane in fuga

Ieri la cana ha approfittato di un momento di distrazione della mia tasca (avevo il telecomando del cancello nella tasca davanti dei pantaloni e mi sono accucciato a fare dei lavori in giardino) ed è uscita dal cancello senza che me ne accorgessi. È tornata solo dopo due ore, esausta e con l’aria di chi ha mangiato parecchio (per la prima volta in due anni non ha mangiato subito i crocchi versati nella ciotola).
Ipotesi 1: ha mangiato un’intera famiglia di caprioli, lepri o altri ungulati
Ipotesi 2: si è presentata in qualche casolare dove è stata rimpinzata (perché nel piacentino la regola è “prima ti sfamo poi ti chiedo chi sei e cosa vuoi”)
Ipotesi 3: si è presentata in qualche casolare e ha mangiato gli occupanti del medesimo.
Questa vignetta è di quando cercavo di convincerla a non braccare le nutrie della periferia milanese
#caniinfuga #lomangiquelcapriolo? #Piozzano


I have a dog (seconda parte)


Immagine

Under pressure


I have a dog (prima parte)

Due anni fa adottavo la cana. All’epoca ne feci una storiella. Ecco la prima puntata.


Immagine

Lunecana