Articoli con tag “incontri

Parla con lui

Domenica notte stavo tornando a piedi da Pomaro e ho tagliato per i boschi. A duecento metri da casa, dopo una svolta del sentiero, mi sono ritrovato faccia a faccia con un gruppo di cinghiali che fuggiva infastidito. Ho contato tre o quattro cinghiali adulti e altrettanti cinghialini.
Alla vista di un gruppo con piccoli mi sono paralizzato fingendomi una felce, subito imitato dalla cana, che non ha fatto un fiato.
Purtroppo la torcia accesa legata alla mia fronte non aiutava a renderci mimetici.
Il cinghiale più grosso si è fermato sul sentiero a fissarmi a circa venti/trenta mentri da noi, mentre il gruppo scappava.
C’è stato qualche secondo di impasse. Io, temendo una carica del bestione, ho pensato che forse dovevo parlargli con voce tranquilla e gentile, come si fa coi cani per tranquillizzarli.
Ho pensato “ok, ma cosa gli dico?”
Così me ne sono uscito davvero con quella frase stupida e anche parecchio insincera.
Però ha funzionato. Il cinghiale deve aver capito che ero un inoffensivo coglione. Ha fatto un grugnito infastidito e ha raggiunto i suoi, scomparendo tra gli alberi oltre il campo.


Prendo il machete

Per ulteriori informazioni sul progetto di Francesco o per partecipare al crowdfunding clicca qui.


Tarta e ciliege

Ammesso che io sopravviva alla mia torta scaduta, domenica 9 Giugno sarò al BETTY B Festival del Fumetto di Vignola (MO) a disegnare e diffondere pericolose ricette dolciarie. Se andrò in auto, porterò con me anche la cana e, prima del ritorno a Piozzano, riempirò il veicolo di ciliege di Vignola.
I miei vicini Davide e Sabrina vogliono metterle sotto spirito o qualcosa del genere. Se invece per pigrizia andrò in moto, sarò senzacana e potrò riempire di ciliege solo il bauletto della honda.
Davide mi ha detto di non preoccuparmi e che non c’è problema se porterò a casa solo poche ciliege. Poi però ha fatto uno strano discorso sull’eventualità di deviare lo scarico della sua fossa biologica, trasformandolo in un deflusso a cascata nel mio giardino.


Parigi o Piozzano?

Vabbè, ma distraiamoci un momento dalla politica. Se siete incerti se per il fine settimana del 15-16 giugno andare a Parigi, a Londra o sulle colline piacentine vicino a Piozzano (so per certo che in mezza italia il dibattito “meglio Londra, no meglio Piozzano” infuria) posso aiutare a far pendere il piatto della bilancia verso la minilocalità piacentina e i suoi caprioli.
Sabato 15 infatti alle 16 sarò alla biblioteca di Piozzano a dire sciocchezze.
Come resistere alla tentazione di caricare l’auto o il treno con familiari e bagagli e partire alla volta della Val Luretta?
Io ve l’ho detto. Poi non dite “Casso. Sono a Parigi, potevi dirmelo prima.”


Immagine

Pierpaolo


Censisci ‘sto cinghiale

Storie vere dalle colline dietro la futura tartacasa.


Scusi, per sundabar?

Anche ieri pomeriggio ho incrociato nelle campagne a sud di Milano un orco smarrito che chiedeva indicazioni. Oltre a brandire asce dovrebbero addestrarli all’uso di google maps.


I have a dog – Secondo episodio

È uscita sul Post la seconda puntata della storia canide. racconta di: Keanu Reeves alterato, orfani cambogiani, genitrici allergiche, X Factor veterinari, dog swat, ansiosi anonimi, questionari impegnativi, punteggiatura a grappolo, cucina cinese, shock termici, arrivi social, cani dal palato fino e prime nebbie.
i_have_a_dog1


bizzarri incontri tra i boschi

Fatto con photoshop e painter

cercatoridifunghi