Ultima

schermatalibrofb

Mi fanno cortesemente notare che su smartphone il banner del libro nella colonna di destra del blog non si vede. Posto quindi quest’immagine da tenere in testa ai post. Lo so, lo so, sto cominciando a stracciare gli zebedei con ‘sta raccolta. Ma non tutti quelli che passano di qui lo sanno e, a quanto mi dicono, tre su quattro usano smartphone.

Ti preferivo biondo

Ultimamente capita che mi scrivano persone (le più con tono deluso ma cortese) dicendomi che, per via delle mie vignette ostili al nuovo corso salviniano, smetteranno di seguirmi.
Dal mio punto di vista la cosa ci sta. Non mi offende. Negli ultimi anni il dibattito politico si è molto polarizzato e soprattutto sui social si tende spesso a preferir parlare e interagire con chi la pensa come te. Questo, sia a livello personale che nell’insieme del meccanismo del confronto democratico, ha i suoi pregi e i suoi difetti. Ma non voglio stracciare ancora le balle al prossimo su quest’argomento. Invece mi chiedo: ma quando al governo c’era Renzi (che non ho mai amato) e passavo il tempo a prendere per il culo lui e il PD, perché nessuno mi scriveva dicendomi la stessa cosa?
Da relativista e amante delle statistiche ho subito pensato delle possibili risposte.
A) il renziano è timido e ti toglie l’amicizia senza sentirsi in dovere di dirtelo. Tu quindi vivi la tua vita disegnatoria tranquillo e senza farti domande.
B) il renziano soffre dentro ma per spirito autoimmolatorio tipico della sinistra continua a seguirti.
C) il renziano è previdente, ti inquadra subito e non inizia neppure a seguirti.
D) Al contrario del renziano, il salviniano non è rassegnato a prendere coppini, ed è quindi allergico alle critiche.
E) In realtà anche alcuni renziani sono usciti sbattendo la porta, ma io semplicemente non lo ricordo.
#menevado #sondeluso #ciao #tipreferivoprima #tipreferivobiondo#nonmitoccaresalvini #ioloamo#quandoerobambinomihaestrattodaunpalazzoinfiamme #Salvini #salviniani #supporter

Abitudini – Stagione 2

 

Pensavi che, dopo tre mesi di “chissà se oggi avremo un governo”, fosse finalmente finita?
Purtroppo no. Abbiamo guadagnato solo una nuova versione de “il giorno della marmotta tricolore”.

Immagine

Cos’è peggio